You are here

Urbact per la Nuova Agenda Urbana, le città e le politiche urbane del futuro all’Urban Breakfast di Forum PA

18 May 2017

La Nuova Agenda Urbana rappresenta un punto di riferimento decisivo per politiche urbane più integrate e sostenibili a livello globale, a cui l’Italia può offrire un contributo di pratiche, saperi e competenze fondamentale per riaffermare il suo ruolo su scala europea e al contempo innovare il modo in cui si progettano le città del futuro. A questi temi è dedicata la Urban Breakfast organizzata il 25 maggio in occasione di Forum PA da UN-Habitat in collaborazione con il National Point Urbact dell’Anci.

L’incontro (qui il programma) si inserisce nell’ambito di una serie di eventi svolti negli ultimi mesi in numerose capitali mondiali nel corso dei quali sono stati presentati il documento approvato dagli Stati membri dell’Onu in occasione della conferenza Habitat III di Quito e gli impegni dei governi nazionali per la sua attuazione nei contesti urbani. Il contributo delle città italiane al dibattito globale sull’attuazione di un’Agenda che fissa per i prossimi venti anni gli standard globali per città più sostenibili e inclusivi sarà il tema al centro dell’Urban Breakfast romana, che per la prima volta collega sul piano nazionale l’esperienza realizzata dalle città protagoniste di Urbact e Urban Innovative Actions alla strategia mondiale che prevede proprio molti dei punti su cui le città stanno già impegnandosi concretamente lavorando fianco a fianco con altri governi locali europei.
Dalla partecipazione dei cittadini alle nuove forme di finanziamento delle politiche urbane fino a tematiche come la riduzione del consumo di suolo e l’innovazione diffusa,  i temi della Nuova Agenda Urbana rappresentano già un orizzonte concreto per numerose città che si preparano proprio grazie ai programmi europei a giocare un ruolo nello scenario globale per la condivisione di esperienze e approcci di successo.
L’incontro, moderato da Simone d’Antonio di Anci, vedrà come relatori il capo di Gabinetto del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture Mauro Bonaretti, il capo area Studi e Ricerche di Anci Paolo Testa, il coordinatore di politiche regionali e interagenzia del segretariato UN-Habitat DI Nairobi Roi Chiti, il sindaco di Udine Furio Honsell e l’esperta di pianificazione strategica Anna Prat.
Gli approcci proposti dalla Nuova Agenda Urbana saranno quindi discussi da prospettive diverse, da quella governativa nazionale e locale fino a quella della società civile, coinvolgendo i rappresentanti delle venticinque città italiane del programma Urbact, amministratori, funzionari ed esperti di innovazione nella pubblica amministrazione presenti a Forum PA. Rendere programma europei come Urbact e Urban Innovative Actions strumenti fondamentali per l’attuazione in Europa e nel mondo degli orientamenti globali proposti dall’Onu con la Nuova Agenda Urbana e con i Sustainable Development Goals rappresenta l’orientamento di fondo al centro del confronto promosso nell’ambito di Forum PA e nei prossimi eventi europei e mondiali nei quali le istituzioni Ue stanno rimarcando il ruolo della cooperazione urbana come elemento decisivo della crescita dei contesti urbani. L’evento si inserisce nell’ampio programma di Forum PA dedicato quest’anno principalmente al ruolo dei livelli regionali e urbani nell’attuazione degli obiettivi per lo sviluppo sostenibile, attraverso strategie e progetti concreti messi in atto in diversi campi in Italia e in Europa. Tutto il programma della manifestazione, che vedrà un focus specifico su Urbact e l’azione dei comuni italiani nella giornata del 25 maggio, è disponibile al link
http://forumpa2017.eventifpa.it/it/.