You are here

Il bando Sinergie di ANCI: una nuova opportunità per il trasferimento di buone pratiche di innovazione sociale giovanile tra i Comuni.

Edited on

10 July 2019

Molte città URBACT coinvolte per il trasferimento di buone pratiche nel bando “Sinergie” promosso da ANCI per sostenere progetti di gemellaggio amministrativo sullo sviluppo e la diffusione di interventi di innovazione sociale giovanile.

Lo scambio di buone pratiche di innovazione sociale in ambito giovanile è al centro del bando promosso da ANCI e rivolto ai Comuni italiani.

In concreto il bando “Sinergie” ha l’obiettivo di supportare, attraverso un co-finanziamento fino a 220.000 euro per ogni progetto, un gemellaggio amministrativo, nel quale i Comuni che hanno già messo in campo progetti di innovazione sociale giovanile assumeranno il ruolo di “cedenti” delle soluzioni realizzate e gli altri Comuni diventeranno “riusanti” delle stesse buone pratiche.

Per identificare gli enti che “trasferiscono” la buona pratica, ANCI ha costituito un elenco di 24 Comuni, individuati grazie ad un precedente avviso rivolto ai quei Comuni che hanno già realizzato, mediante il contributo del Fondo Politiche Giovanili, soluzioni progettuali innovative ed efficaci ad esempio per la loro metodologia d’intervento, per la sperimentazione di modelli di coinvolgimento dei giovani beneficiari e dei partner, o per l’adozione di specifiche prassi amministrative. Si tratta di progetti realizzati con successo e identificati come positivamente replicabili in altri territori.

Non sorprende che circa la metà delle città che fanno parte dell’elenco di questi Comuni siano già attive nella Community del programma URBACT. Tra queste infatti troviamo: Genova, Mantova, Bologna, Bari, Milano, Napoli, Pesaro, Piacenza, Reggio Emilia, Ancona, Torino.

I temi trattati sono diversi e spaziano dalla rigenerazione urbana con il focus sulla co-progettazione ed animazione di spazi condivisi, a temi sempre più emergenti nella dimensione urbana come la sostenibilità ambientale, o ancora priorità tematiche particolarmente sfidanti per i giovani come le politiche per l’occupazione o il supporto alle filiere produttive e artigianali.

Per candidarsi a cogliere questa ulteriore opportunità di avviare un’iniziativa progettuale innovativa e specificamente rivolta ai giovani, gli Enti Locali che si candidano ad essere ente riusante della buona pratica devono appartenere ad una Regione diversa da quella del Comune “cedente” e non devono aver partecipato ai precedenti Programmi ComuneMenteGiovane, MeetYoungCities, Giovani RigenerAzioni Creative e Restart. E’ possibile partecipare presentando una proposta progettuale entro il 3 settembre 2019. Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente link.