You are here

Int-Herit, a Mantova i lavori della conferenza finale dell’Implementation Network

Edited on

07 May 2019

Città europee al lavoro per presentare il Manifesto di Mantova, che sintetizza gli elementi principali del lavoro di rete condotto sui temi della rigenerazione urbana e della gestione dell'eredità culturale

Giungono a conclusione le attività dell’Implementation network Int-Herit, che coinvolge Mantova fra i partner. La valorizzazione del patrimonio artistico e culturale è il tema al centro della rete che condivide strategie e modalità di attuazione dei piani urbani, che saranno presentati in conferenza finale a Mantova l’8 e 9 maggio.

L’incontro vedrà la partecipazione dei rappresentanti politici delle città partner del network, componenti dei gruppi locali e i principali protagonisti dell’azione di implementazione portata avanti nell’ambito di uno dei pochi network URBACT dedicati negli ultimi anni alle tematiche dell’eredità artistica e culturale.

La giornata di apertura del meeting sarà dedicata alla presentazione dei risultati del progetto e alla condivisione degli elementi-chiave del Manifesto di Mantova, che sintetizza gli elementi più significativi emersi nell’ambito delle attività di Int-Herit con l’obiettivo di fornire indicazioni di policy su rigenerazione urbana e gestione del patrimonio artistico e culturale. Il confronto ai tavoli di lavoro sarà seguito da una visita al centro storico della città patrimonio Unesco dal 2008, con particolare attenzione sui luoghi dove sono concentrati le azioni condotte nell’ambito del network.

La conferenza finale di presentazione del network, che avrà luogo il 9 aprile presso la Sala delle Capriate del Palazzo Ducale in concomitanza con la Festa dell’Europa, vedrà la partecipazione di amministratori locali, dell'Anci come Punto Nazionale URBACT e dei principali protagonisti delle azioni di di tutela del patrimonio culturale nella città di Mantova. La sessione finale dell’evento sarà dedicata alla presentazione, da parte degli esperti delle città partners, di tutti i risultati raggiunti nell’ambito del network.

La città di Mantova si è dimostrata una delle più attive all’interno della rete URBACT INT-HERIT. La città, capitale della cultura italiana 2016, fonda la propria posizione culturale a livello nazionale ed internazionale su quattro pilastri fondamentali: la rigenerazione urbana; l’aumento delle offerte culturali del luogo; lo sviluppo del dialogo civico sul territorio e l’inclusione sociale. Tale approccio ha permesso alla città di sviluppare una capacità di gestione efficace del patrimonio culturale, attraverso forme di governance stabili finanziate anche da modalità innovative. In particolare, si è focalizzata sulla creazione di partnership con il settore privato al fine di riabilitare e riutilizzare importanti edifici storici come: l’edificio monumentale Palazzo Te; il centro storico e l’edificio storico-militare Rocca di Sparafucile. Lo strumento sfruttato dall’amministrazione per incentivare la partecipazione di soggetti privati è stato quello del partenariato pubblico privato che ha permesso di coinvolgere nella risoluzione delle problematiche di gestione il settore privato e la comunità.