You are here

URBACT e H2020: in che modo Manchester e Poznań stanno incrementando i progetti di iniziativa civica per lo sviluppo di una comunità più verde

Edited on

10 June 2019

Manchester (UK) e Poznań (PL) sono due delle molte città europee che stanno utilizzando il metodo URBACT di sviluppo urbano integrato e sostenibile per incrementare la partecipazione locale e migliorare i risultati nei più grandi progetti nazionali ed europei.

Abbiamo chiesto ai coordinatori di Manchester e Poznań in che modo la partecipazione delle loro città alle reti URBACT stia migliorando i progetti verdi del programma Horizon 2020 (https://ec.europa.eu/programmes/horizon2020/en) – grazie ad: un approccio inclusivo, guidato a livello locale, preziose collaborazioni internazionali ed attività di supporto da parte di esperti.

Questi progetti hanno in comune le questioni sociali ed ambientali e riflettono una crescente comprensione del fatto che un coinvolgimento ampio di tutte la parti interessate possa dare un grande beneficio ai progetti ambientali. Nell’ultima call URBACT le domande a tema ambientale sono aumentate del 25%.

Jonny Sadler e Mark Duncan a Manchester, e Agnieszka Osipiuk a Poznań forniscono degli esempi interessanti dei continui benefici che il metodo URBACT dà ad entrambe le città, sia direttamente, attraverso politiche integrate migliorate e gruppi locali attivi, sia indirettamente migliorando le capacità organizzative delle pubbliche amministrazioni.

Manchester: una forte collaborazione incentrata sui bisogni della città

La città di Manchester è stata lead partner di una rete URBACT chiamata CSI Europe (2013-2015)- incentrata sull’utilizzo di strumenti finanziari della banca europea di Investimento e, successivamente, ha guidato il network Smart Impact- rete incentrata sul tema dello sviluppo sostenibile e smart.

Per quanto riguarda il programma Horizon 2022, la città coordina il partenariato GrowGreen, un progetto che coinvolge 7 città e che, beneficiando di un finanziamento di 11.2 milioni di euro, ha lo scopo di aiutare le città a sviluppare ed attuare le strategie per le infrastrutture verdi, come alberi, parchi o tetti verdi. Dalla sua creazione nel 2017, GrowGreen ha lanciato progetti pilota per quartieri più verdi, più sani e più sostenibili a Manchester, Valencia (ES) e Wroclaw (PL).

Nel 2018, nel momento in cui il programma GrowGreen stava per iniziare, la città di Manchester e i suoi partner europei hanno costituito una nuova rete URBACT, C-Change, che ha come obiettivo quello di incoraggiare l’attività artistica e le organizzazioni culturali per stimolare l’impegno dei cittadini sui cambiamenti climatici.

Jonny Sadler, il direttore del programma presso l’agenzia di Manchester sui cambiamenti climatici, sta lavorando con il consiglio comunale e altri partner per aiutare la città a stabilire e raggiungere gli obiettivi sui cambiamenti climatici che sono stati concordati a Parigi. Il direttore sottolinea 4 modi principali in cui URBACT sta ispirando e sta garantendo dei risultati più duraturi nel programma GrowGreen.

1. Il nuovo progetto URBACT aumenta il coinvolgimento degli stakeholder

“Il coinvolgimento delle parti interessate è fondamentale per lo sviluppo e l'attuazione di strategie di infrastrutture verdi a livello cittadino, ma sfiderò qualsiasi città nel mondo a dirvi che hanno un programma completo davvero efficace per coinvolgere i loro cittadini!", Dice Sadler. "È qui che abbiamo visto un ruolo importante per URBACT: come risultato di GrowGreen, Manchester e Wroclaw hanno unito la proposta C-Change URBACT per trovare nuovi modi per coinvolgere e ispirare le persone intorno al tema dei cambiamenti climatici, e quindi incentivarle ad agire.” "GrowGreen è molto diverso dai tradizionali progetti di Horizon 2020 che possono essere abbastanza accademici. Abbiamo realizzato che i programmi più efficaci dal punto di vista della città sono quelli che mettono al centro la città stessa. URBACT è un primo esempio di come le città ottengono il massimo valore quando un progetto è progettato in base alle loro esigenze”.

2. La metodologia URBACT per la cooperazione transnazionale

A partire dalla loro assemblea generale a giugno i partner di GrowGreen utilizzano il metodo URBACT per migliorare la collaborazione. "Abbiamo identificato circa sei temi chiave che esporremo alle città. Ci sediamo e diciamo "questo progetto riguarda voi". Volete sviluppare strategie per incrementare infrastrutture verdi. Parliamo in dettaglio di dove sono oggi le vostre città, che risultato volete raggiungere e cosa potete fare collaborando con il supporto di un partner esperti. "

Nel gruppo "Financing Green Infrastructure", ad esempio, le città confronteranno le fonti di finanziamento attuali e attese, individueranno eventuali carenze e condivideranno soluzioni interessanti - come l'incentivo fiscale di Wroclaw per i tetti verdi sui nuovi edifici.

Con la sua metodologia inclusiva, URBACT ha fornito allo staff del consiglio comunale uno "sviluppo professionale di altissima qualità" e competenze senior, afferma Mark Duncan, capo del settore strategico ricerca e programmazione del Consiglio comunale di Manchester: "l'approccio URBACT è integrato nel mio team, in tutte le attività di progettazione, non solo in quelle URBACT”. Il gruppo di lavoro, aggiunge Mark "Oltre a valutare le idee di tutti i partner di città in progetti transnazionali su larga scala, ha acquisito le competenze per gestire complessi consorzi pubblico-privati ​​in progetti di sviluppo finanziati a livello nazionale.”

3. URBACT inspiratore per eventi interattivi

GrowGreen ha appreso dal festival URBACT delle importanti conoscenze nel progettare una conferenza annuale con professionisti urbani, sessioni più piccole e ampio spazio per discussioni informali faccia a faccia.

"Alcune conferenze possono essere piuttosto astratte e accademiche, con sessioni plenarie sulla teoria della creazione di città verdi e su cosa potremmo aver bisogno di fare in un determinato momento nel futuro".” Noi abbiamo invece riunito città e praticanti nello stesso luogo per dire 'questo è quello che ho fatto, questo è quello che è andato bene, questo è quello che non ha funzionato bene' ", dice Sadler.

4. Favorire un cambiamento più ampio

Proprio come URBACT incoraggia le città a condividere le buone pratiche per trasferirle in altri contesti urbani, GrowGreen spera che le sue iniziative pilota stimolino i miglioramenti delle infrastrutture verdi in tutto il mondo. Con questo obiettivo, hanno accettato di collaborare con ICLEI, IUCN e con l’organizzazione Nature Conservancy attraverso un'iniziativa denominata Cities with Nature.

Poznań: URBACT come trampolino di lancio per H2020

"URBACT sembra essere uno dei programmi più adatti e pratici per introdurre nuovi argomenti intersettoriali, scambiare conoscenze e testare nuovi approcci e concetti", afferma Agnieszka Osipiuk, che lavora al progetto Horizon 2020 Connecting Nature per la città di Poznań.

Poznań ha partecipato a dozzine di progetti co-finanziati dal fondo europeo di sviluppo regionale e dal fondo sociale europeo, comprese le reti URBACT che vanno da HOUS-ES nel 2006 fino alla rete URBACT REFILL sul riutilizzo degli spazi urbani liberi (2015-18) e l’attuale rete URBACT On-board incentrata sullo sviluppo dell’istruzione locale.

Secondo Agnieszka Osipiuk, REFILL è stato l'ultimo trampolino di lancio in questa lunga serie di esperienze URBACT che ha aiutato Poznań a diventare una cosiddetta "Città di prima fila” nel progetto Connecting Nature del 2017.

Questo progetto, finanziato dal programma Horizon 2020 con 12 milioni di euro, aiuta le città ad attuare iniziative verdi- come giardini di comunità, eventi pop-up o riuso innovativo di terreni – e a misurare il loro impatto sull'adattamento ai cambiamenti climatici, sulla salute e sul benessere, sulla coesione sociale e sullo sviluppo economico sostenibile.

Nei primi mesi di Connecting Nature, Agnieszka ha coordinato il progetto contemporaneamente a REFILL.

“Era necessario costruire un gruppo di lavoro formato da più di 5 persone e sviluppare un’attività di ricerca su ampia scala, con modalità più approfondite rispetto ai precedenti progetti dell’EU.”

"Sia i livelli internazionali che quelli locali del progetto H2020 sono stati ispirati dal modo in cui abbiamo lavorato in REFILL", ricorda la signora Osipiuk. “Attività come organizzazione di meeting internazionali, azioni locali in co-creazione, presentazioni, report e storytelling, e molte altre sono usate in entrambi i programmi."

Tra i benefici apportati da URBACT a Connecting Nature, la capacità di lavorare a livello internazionale e in tutti i settori è stata particolarmente preziosa. REFILL ha dato alla città di Poznań delle competenze di mediazione tra le iniziative locali bottom-up e altri dipartimenti e unità cittadine. È stata un'occasione per provare vari approcci nel coinvolgimento delle città. Il metodo URBACT ha permesso di dimostrare ad altri colleghi e altre città polacche il valore della condivisione.

Attraverso Connecting Nature, Poznań sta ora integrando soluzioni ambientali su piccola scala in quartieri densamente popolati - ad esempio parchi giochi naturali nelle scuole materne e giardini aperti. Nel lungo periodo ciò aiuterà Poznań a diventare una città di spazi verdi interconnessi che concilia alta qualità della vita con infrastrutture sostenibili e rapido sviluppo economico.

Il progetto Connecting Nature trarrà vantaggio dal lavoro di REFILL nel sostenere soluzioni basate sulla natura e guidate dai cittadini. Durante REFILL la città di Poznań ha lavorato con un gruppo locale URBACT ("un'altra grande lezione sulla cooperazione con diversi tipi di stakeholder che è molto preziosa nel progetto Connecting Nature") nello sviluppo di un "Toolbox per i luoghi”. Questo insieme di strumenti aiuta i residenti a prendere l'iniziativa nel pianificare varie attività di quartiere, dagli incontri locali agli eventi culturali.

Poznań spera di integrare ulteriormente questi strumenti nel programma Connecting Nature, l'approccio appreso attraverso URBACT sta anche aiutando Poznań a preparare un documento quadro per raccogliere e condividere esperienze multilivello delle altre città che fanno parte del programma Connecting Nature.