Geolocation
POINT (12.56738 41.87194)
  • IMPACT REGENERATION

    The City of Cinisello Balsamo in Italy is looking for partners to build an URBACT network  around the social impact of Urban Regeneration. In particular, how to guarantee social inclusion and community development while renovating an urban area and how to measure its impact. The concept of urban regeneration has evolved from the idea of the physical transformation of cities to a more complex vision of change, able to improve the inhabitants’ quality of life. In this framework and in order to avoid gentrification and loss of social value, regeneration cannot be conducted with a top down approach and it is important to guarantee an integrated governance model as well as impact evaluation systems. In other words, the social aspects of development  initiatives should be as important as environmental and economic considerations and should be fully taken into account at the outset of project preparation. 


    Our municipality is currently developing an important initiative in the Crocetta neighbourhood. The neighbourhood is isolated by 3 big roads and is lacking public and community spaces. It is therefore lived by its inhabitants as a closed and outcast space. The regeneration project (Financed through ESF and ERDF) will involve physical intervention creating openings, public spaces and access. The project focuses, from a social point of view on three main issues: School, housing and services. By applying to URBACT, we wish to create a strong local group of stakeholders and to exchange with other European cities with similar development initiatives on how to generate and measure social value.

    MASSIMO CAPANO
    Municipality of Cinisello Balsamo
    74000
    0
    Are you a candidate Lead Partner looking for partners
    Yes
    Are you a potential Partner looking for a Lead Partner
    Yes
    Your job title
    Head of European Office Affair
    Institution website
    www.comune.cinisello-balsamo.mi.it
    Social inclusion
  • Knowledge exchange on green infrastructures

    Institutional Profile

     

    The territory of the Union of Bassa Romagna Municipalities is located at the heart of the province of Ravenna, in Emilia-Romagna Region. Bassa Romagna covers a surface of 480 sq. km with productive flat land, crossed by rivers and channels over the countryside, with a great richness in heritage and tradition. The Union has an overall population of 101.757 inhabitants (ISTAT, December 2021) and it is characterized by urban centres of mediumlittle dimensions. It consists of the institutional aggregation of nine municipalities (Alfonsine, Bagnacavallo, Bagnara di Romagna, Conselice, Cotignola, Fusignano, Lugo, Massa Lombarda and Sant’Agata sul Santerno), with the main municipality being Lugo with 32.243 inhabitants. Since the establishment of the Union, the nine municipalities have worked together to cooperatively address common challenges. Cooperation is one of the main features of the territory.

     

    Experiences with European projects

     

    The Union has established its own Europe Office (2018) dedicated to drafting and managing European projects; since then, several European Territorial Cooperation projects in the 2014-2020 programming period framework have been developed as Lead Partner and Project Partner. In parallel, the Europe Office has implemented various projects financed by ERDF and ESF for 2014-2020.

     

    Experience with URBACT Programme

     

    The Union of Bassa Romagna Municipalities was project partner within the FOOD CORRIDORS URBACT Network. More in detail, FOOD CORRIDORS is a network of European cities committed to designing food plans that extend from the urban and periurban areas through a corridor that facilitates an urban-rural re-connection. This approach enhances production and consumption environments based on economic, social and environmental sustainability integrated into development policies. The network seeks solutions to unemployment, the adverse impact on the territory of economic activity, good health and education for their inhabitants, loss of identity, the need to offer a better quality of life to citizens, and the decline of nearby rural areas. FOOD CORRIDORS ended in August 2022.

     

    What next

     

    Based on the previous experiences with EU projects, the Union Bassa Romagna Municipalities is looking for a network of cities to establish profitable cooperation and knowledge exchange in the field of green infrastructure. The objective is to develop a multidimensional approach to address the current territorial and social challenges (climate change, social exclusion, food accessibility) through a more coherent and long-term perspective of green infrastructure.

     

    Five areas of potential cooperation

     

    1 - Green Infrastructure and Digital transition: This area of interest deals with the great challenge of linking digital transformation with green infrastructure: from the capacity to monitor the ecosystem services and consequent enrichment (e.g., absorbing CO2, depurating waters, mitigating temperature) to the possibility of creating a digital environment that can sustain green jobs and innovative sustainable productions.

     

    2 - Green Infrastructure and Food Policy: The idea is that green infrastructures should not only play a safeguard role for ecosystems, but can also be an opportunity to reshape food-productive land. How to rethink low-intensity food production? Which form and governance for accessible and open-source communitybased gardens? How to connect the green infrastructure with the need to feed urban areas? How to guarantee food accessibility and democratisation of the (local) food chain?

     

    3 - Green Infrastructure and Climate Change mitigation: Proactive green infrastructures might help face climate change. The aim is to explore how green infrastructures can reduce climate change in our territory. The goal is to see how local communities can actively work in programming/building a more resilient environment to the unpredictable impacts that climate change will bring. What kind of policies can be adopted to this concern? What kinds of projects have proven to be more efficient than others? How to include citizens in policy design for climate change?

     

    4 - Green Infrastructure for Health and well-being: This area intends to experiment how the relational design among ecosystems and the creation of therapeutic landscapes could support our Health and enhance the well-being of local communities. Which kind of benefit can be obtained? How to include the nature, human and health dimensions in the design of green infrastructures?

     

    5 - Green Infrastructure and energy: A balanced energy landscape is an idea behind this area that aims to explore the capacity of the green infrastructure to be a collector of sustainable energy with a measurable impact in terms of thermic balance, production of power through micro and macro renewable systems, and nature-based assessment of energy needs from the urban areas.

    Tania Spiga
    Unione dei Comuni della Bassa Romagna
    100000
    0
    Are you a candidate Lead Partner looking for partners
    Yes
    Are you a potential Partner looking for a Lead Partner
    Yes
    Your job title
    Project Officer
    Institution website
    https://www.labassaromagna.it/
    Green transition
  • Engage in Climate

    Project IDEA: ‘Engage in Climate: Promoting Behavioral Change and Civic Engagement in Climate Mitigation, Adaptation and Resilience’

     

    We look for: Coastal medium sized cities in priority (in coastal areas, and/or on islands)

    Interested city partners: Termoli, Italy, Skive Denmark, Pointe à Pitre Guadeloupe France, Nin Croatia, The Azores region Portugal, and Sardegna region Italy.

     

    Total Budget : 850 000 Euros. Cofunding rate: 95% for IPA countries, 80% for less developed regions, 70% for transition regions and 60% for more developed regions. -

     

    Please contact: pascaline.gaborit@pilot4dev.com, +32 497 578270

     

    Cities generate about 70% of global greenhouse gas (GHG) emissions, and, at the same time, are particularly vulnerable to the impacts of climate change.

     

    Cities are at the forefront of climate adaptation, mitigation and resilience hosting high density populations and can have more casualties in case of climate related disasters (floods and heat waves). Cities are built in concrete/cement and other hard construction materials keeping heat and are therefore also particularly exposed to the ‘heat-island effect’ during the summertime. They are often in the vicinity of rivers and are exposed to floods, droughts and are operating close to citizens and end-users. Cities of all sizes thus play a pivotal role in adaptation and mitigation measures, and in finding sustainable solutions for accelerating the green transition at local level. Cities are important actors as they host critical infrastructure e.g., RE, energy and water plants, transport, waste handling services and public institutions, and are faced with detrimental impacts in case of disruptions.

     

    In terms of energy, cities are responsible for 75% of energy consumption and are therefore at the forefront of both climate adaptation and climate mitigation. As cities across Europe are hit by climate change and energy crisis, they are faced by an urgent need to accelerate the overall green transition at a local level. Cities operating close to civic society also hold the seeds for finding and developing best practice solutions for promoting behavioral change and applying efficient methods to engage and ensure strong civic involvement and engagement in the green transition. Furthermore, cities can play a vital role as a facilitator of cross-cutting cooperation and energy communities.

     

     “Alerting citizens about climate disasters risks and how to prevent them can be one of the key points.’’ Environmental climate disasters can indeed lead to social injustice and create local conflicts. The lack of participation can also bring the adoption of inappropriate solutions or solutions that are not easily being implemented, hence endangering an effective implementation of highly needed local climate mitigation and adaption measures delaying climate neutrality. The project will create an exchange on how to engage with residents, communities and the private sector in resilience, climate adaptation and mitigation.

     

    To reach EU’s ambitious climate goals and ensure successful implementation of local energy and climate action plans and maximize the potential of CO² emission reductions, it is vital to develop targeted action plans and adopt best practices and tools for promoting behavioral change and civic engagement in climate mitigation, adaptation and resilience at local level.

    Civic engagement describes how individuals become involved in their community to make a positive difference in the lives of their fellow citizens. Civic engagement or civic participation is any individual or group activity addressing issues of public concern. Civic engagement includes communities working together or individuals working alone in both political and non-political actions to protect public values or make a change in a community. The goal of civic engagement is to address public concerns and promote the quality of the community. Citizen initiatives can be effective and powerful when it comes to taking control over their living environment and activating others, varying from fellow citizen to institutional actors. This makes them important actors in governance. Citizens are very capable of initiating inspiring developments, putting in little financial capital but a great deal of energy and social, human and social capital. How do government organizations and institutions value and use this form of softer capital and how can we simulate citizen engagement?

    Many cities have already adopted local climate and energy action plans, however without also ensuring and generating strong local commitment and civic engagement to support the implementation of the proposed measures at all levels of society and across levels, proposed measures may prove insufficient or in vain.  Cities thus play a pivotal role by leading the way to climate neutrality and ensuring that no one is left behind.

     

    While cities try to sensitize and raise residents’ awareness to the different issues of climate change and involve them in the decision-making process, targeted action plans focusing on tools and methods for effective involving citizens in the overall implementation of local climate plans, are needed.

    The project ‘Engage in Climate’ will create dialogues on how to tackle the fight against heat waves and prevent floods, and how cities can lead the way in the green transition, promoting behavioral change, engaging, involving and mobilizing civic society, residents, communities and the private sector in resilience and climate adaptation and mitigation measures, ensuring that climate and energy action plans are effectively implemented and that no one are left behind.

     

     

    Pascaline GABORIT
    Comune di Termoli
    51000
    0
    Are you a candidate Lead Partner looking for partners
    Yes
    Are you a potential Partner looking for a Lead Partner
    Yes
    Your job title
    Consultant
    Institution website
    https://www.comune.termoli.cb.it/
    Green transition
  • Community Libraries

    What is the role of cultural principals in urban regeneration processes? The city of Bari, in southern Italy, has developed an urban development strategy based on services and cultural facilities in the neighborhoods, according to a logic of the 15mn city. In particular, in its 11 districts, it has created 11 community libraries: neighborhood libraries, born from the conversion of public buildings, conceived as open squares of knowledge, places of aggregation and cultural participation, intended for families, teenagers and children, to create social capital around reading and encourage an approach to culture. The 11 community libraries are proposed as civic spaces, neighborhood houses, to be linked to the physical transformations underway

    Vitandrea Marzano
    City of Bari
    320000
    1
    Are you a candidate Lead Partner looking for partners
    Yes
    Are you a potential Partner looking for a Lead Partner
    Yes
    Your job title
    Director of Mayor's Cabinet
    Institution website
    www.comune.bari.it
    Culture
  • Italian Infoday - 23 January 2023 in Rome

    L’Infoday è organizzato da ANCI nazionale come National URBACT Point in collaborazione per presentare ai comuni italiani il primo bando URBACT IV dedicato alla creazione di Action Planning Network, reti transnazionali di città che affrontano sfide comuni.

    Il bando, uscito il 9 gennaio e aperto alla partecipazione di comuni europei di ogni tipologia e dimensione fino al 30 marzo, rappresenta la prima opportunità per partecipare a URBACT IV, la nuova edizione del principale programma europeo sullo sviluppo urbano sostenibile.

    L’Infoday costituirà un’occasione per condividere informazioni sul bando e sui temi e gli approcci da seguire in fase di stesura di una proposta progettuale, ripercorrendo al contempo le esperienze di successo che hanno visto le città italiane protagoniste nelle edizioni precedenti del bando. Nel pomeriggio per i comuni che hanno effettuato prenotazione sarà organizzata una sessione di co-progettazione, nel corso della quale si esploreranno più in dettaglio possibili temi di interesse e potenziali partnership con comuni europei che stanno preparando proposte progettuali.

    Italy

    Save the date - Italian Infoday

    The Italian National Infoday will present the first call for proposals for the URBACT IV programme. The event will be held in Sala Laudato Sì – Palazzo Senatorio – Piazza del Campidoglio, Rome.
    The event will start at 10 am and last until 1 pm on 23rd January 2023. 
    Working language: Italian. Participation is free, but registration is required.

     

    National URBACT Point
    Share on FacebookShare on TwitterShare on LinkedIn
    Rome
    Off
    Open to a wider public
  • Aperto fino al 31 marzo il primo bando Urbact IV per la creazione di Piani d’azione integrati

    Share on FacebookShare on TwitterShare on LinkedIn
    18/01/2023

    Dal 9 gennaio e fino al 31 marzo 2023 è aperto il primo bando URBACT IV per la formazione di 30 reti per la creazione di Piani d’azione integrati (Action planning network). Il programma URBACT IV fa parte dell’Obiettivo di Cooperazione Territoriale Europea dei Fondi Strutturali per il periodo 2021-2027, è finanziato dal FESR e gestito dall’Agenzia Nazionale della Coesione dei Territori del governo francese (ANCT).

    Save the date: URBACT IV info day on 23th January in Rome - Italy

    From urbact
    Off

    L’Anci ricopre il ruolo di Punto Nazionale del programma per l’Italia. La missione di URBACT è quella di favorire lo scambio e lo sviluppo di soluzioni integrate tra le città europee su sfide di interesse comune, attraverso un’azione di rete e di apprendimento reciproco che fa emergere esperienze e buone pratiche utili a migliorare le politiche urbane. In particolare, URBACT contribuisce direttamente al Policy Objective 5 della Politica di Coesione Europea 2021-2027 (Europa più vicina ai cittadini), supportando la definizione di strategie di sviluppo locale sostenibile.
    Per raggiungere tali obiettivi, URBACT finanzia reti transnazionali finalizzare a, agendo sulle competenze di amministratori, funzionari e attori locali coinvolti nel design e nell’attuazione di politiche di sviluppo urbano sostenibile in maniera integrata e partecipativa.
    Il bando finanzia la creazione di reti di città finalizzate alla creazione di Piani d’Azione locali integrati su un tema di interesse comune per migliorare il modo in cui lavorano le amministrazioni locali europee scambiando e individuando soluzioni ed esperienze alle sfide comuni. Per illustrare il bando saranno organizzati tre infoday a Roma, Palermo e Torino. Il primo dei quali si terrà il 23 gennaio a Roma, in Campidoglio, a partire dalle 10:00 (iscriviti qui per partecipare alla sessione mattutina: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-infoday-urbact-iv-il-nuovo-bando-per-action-planning-network-512062060407 e qui per la sessione pomeridiana: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-sessione-di-co-progettazione-tavoli-di-lavoro-tematici-512070886807).

    Chi può partecipare?
    Possono partecipare Comuni di ogni tipologia e dimensione, ma anche altre tipologie di enti come le agenzie locali pubbliche o semi-pubbliche (ad es. aziende di trasporto pubblico, etc.), livelli infra-municipali di governo locale (ad es. circoscrizioni, municipi, etc.), autorità metropolitane e agglomerazioni organizzate rappresentate da istituzioni politico-amministrative (ad es. Unioni di comuni, etc.). Possono partecipare inoltre partner non urbani, come università e centri di ricerca, provincie e regioni, autorità di gestione dei Fondi della Politica di Coesione.
    Possono far parte delle reti URBACT comuni dei 27 paesi membri dell’UE; di Svizzera e Norvegia (con copertura del 50% dei costi da parte delle rispettive autorità nazionali); di paesi in pre-accesso (Serbia, Bosnia-Erzegovina, Macedonia del Nord, Montenegro, Albania) con fondi IPA. Comuni di altri paesi del mondo possono partecipare interamente a proprie spese. Ogni rete può avere tra gli 8 e i 10 comuni partecipanti, con un massimo di 2 partner non-città e una copertura minima di 7 Paesi. Il primo bando ha un budget complessivo indicativamente di 25,5 milioni di euro, per un finanziamento massimo di 850.000€ per ciascuna delle reti finanziate.
    Leggi il testo del bando: 
    https://urbact.eu/get-involved
    Per maggiori informazioni visita il sito www.urbact.eu oppure contatta il Punto di Contatto Nazionale all’indirizzo urbact@anci.it

     

    https://www.eventbrite.it/e/biglietti-infoday-urbact-iv-il-nuovo-bando-per-action-planning-network-512062060407

  • From the cost of car’s cities to the benefit of multimodal city of parks, bikes and people

    The project idea comes from  enormous costs of car’s cities, and advantages brought by  modal rebalancing.
     Proposing to the mayors to engage technician, stakeholders and associations to understand why sustainable mobility has not grown, and  solutions might be identify. 

     

    • European Team sustain Partners to provide a survey on travel habits. 
    • Traffic statistics in the city: how many millions of cars*km/year ?
    • How many  billions euros/year ?  (European Team  will make an estimate based on the mileage reimbursement (purchase,  maintenance, accident risk, insurance, taxes:  €0.30-0.40 €*km)  
    • Benefit of modal rebalancing, based on a 10% reduction of cars*km 
    • Stakeholders and universities answer the questions: is public transport too crowded or inatractive?  
    • Is cycling dangerous on many roads? Solutions?
    • Action plan for rebalancing!
    • From year to year, the survey will make it possible to compare car reduction, and benefits related to  increase bicycle and public transport mobility

     


     

    The project idea was born from the comparison between Universities and European researchers, who were able to verify the contrast between the many "Green Cities of Europe", where getting around on foot, by bike, or on fast and frequent public transport is done daily, and Cities still heavily conditioned by too many cars.

    And from the desire to favor the transition to the multimodal city, of parks, bicycles and people, proposing to the Partners a "Global and Local" working method, which sees Universities and Stakeholders committed to identifying the thousand reasons that have so far blocked the growth of sustainable mobility, aiming at the development of a dedicated Action Plan.

    Year after year, specific surveys will make it possible to estimate the results obtained, in terms of economic and environmental benefits

    The following stages are foreseen

    1) Annual survey among office and factory workers, for the reconstruction of behavior habits (% on foot, by bike, by car, public transport, multimodality, micromobility, cycle stations)

    What is the situation of urban mobility??

    66 % car?? Hundreds of thousands of cars that converge on the urban center from the hinterland every day ??How many billions of car*km in a year? How many emissions?

    • Sustainable mobility at just 34% ??

    only 11% for buses, 5% for trains and subways? 4% for bikes/micromobility, 14% on foot??                      Really, so far away from the European City??

    FIRST PHASE - FIRST SURVEY

    Mobility Managers, Managements of Factories, Offices, Schools and Transport Companies will send employees and commuters the link to participate, in respect of privacy, in the survey on travel habits: easily, there will be 2000-4000-10,000 people who will have their say on a possible future of active mobility.

    From year to year, in parallel with the implementation of the modal rebalancing actions, it will be possible to verify the successes and failures of the strategy, refining the questions on travel habits, and on the effectiveness of the different interventions, and verifying how mobility changes in out and in other realities .

    THE COST OF CITIES INVADED BY CARS, THE BENEFITS OF THE MODAL REBALANCING

    2) The very high costs, economic and environmental, of car cities: the immensity of resources annually subtracted from the well-being of families

      In a small metropolitan city, (17 municipalities, 420,000 inhab) starting from the 170,000 cars recorded entering the urban centre, conservatively estimated an average return journey of 35 km*car, we are at 7 million car*km/day: in a year 2.4 billion car*km.

    Hundreds of thousands of "commuter" cars that invade urban centers every day from the hinterland...

    … How many billion km in a year, in your city?? How many tons of CO2??

    How much does all this cost?? What is the expense of families forced to use the car on a daily basis due to insufficient public transport, and a dangerous road network for bicycles?

    And the answer is in that rule which in every country establishes that the mileage reimbursement due to those who use the car for company or office activities must include not only the fuel but all the costs of the car: purchase , maintenance, taxes, insurance, accident risk.

    Assuming a cost*km of €0.35*km (small engine cars), it is easy to verify that those 170,000 cars that enter the urban center each day cost no less than 800 million euros/year, for CO2 emissions (average old car park 160-240 g of co2 per car*km) in the order of  480,000 tons/year

    3) The very high profitability of modal rebalancing actions.

    Faced with an annual expenditure in the order of 800 million euros  a reduction of too many cars even by just 10%, would bring a very high benefit, not less than 80 million euros /year…and a reduction of CO2 emissions in the order of 48,000 tons/year (still not much due to the climate emergency, more will need to be done!)

    These assessments on the economic and environmental cost of Too Many Cars will be repeated, on the basis of traffic data, in each Partner City, demonstrating that important BUDGETS, even in the order of 400 MILLION EUROS, could be amortized in a few years,

    With the progressive growth of multimodal mobility, families will reduce what is a real tax on daily mobility, which weighs especially on young families, forced by the costs of houses to move in the hinterland, and to live their lives by car, between roads that are “too dangerous” for bicycles, and ebikes, and slow, infrequent, crowded trains and buses.

      At the moment, it is a monthly expense of between €100 and €400 for each car in the family, depending on the distance between residence and place of work

    And, on the basis of the progressive reduction of traffic, it will also be easy to reconstruct the wealth accumulated over the years in those "GREEN CITIES OF EUROPE(also called to be part of the partnership), where moving daily by train, bus, bike, e-bike and scooter has brought quality of the urban space, tourist attraction, family welfare!

     

    4) But reducing even just 10% the number of cars in the city… is it a possible Goal??                                           Can the city “of cars” change?                                                                                                                   Addresses, for the drafting of the Action Plan.

    In particular, in cities with the highest vehicular concentration, the results of sustainable mobility plans are often tragically insufficient; and year after year the roads are confirmed as "too dangerous" for bicycles, and crowded or infrequent trains and buses, forcing the use of the car.

    Even the analysis of the elements that prevent the growth of sustainable mobility is often lacking, while a modest cycle location can generate the protest of the car population.

    Yet the best practices of Modal Rebalancing are in front of us, all over Europe:

    fast and frequent commuter transports; traffic light priorities for trams and buses; widespread and high-comfort urban cycle networks, often enriched by crossing parks and green areas; "Dutch-style" cyclostations that transform 70% of commuters into urban cyclists .. Bike sharing, micromobility .. pedestrian streets

    It will be a question of immediately implementing the strong ideas perhaps already present in the SUMP… with Universities, Researchers, Stakeholders committed to identifying the thousand factors that have so far blocked the growth of sustainable mobility

    And to build an urban design based on

    • Safety of vulnerable users (ebikes, micromobility, the handicapped, pedestrians) on all the most important roads, in the city center and in the suburbs

    • Cycle lanes and pedestrian streets, even in suburban neighborhoods.

    • Large cycle routes between the city center, green spaces and the hinterland, where possible freeing up sustainable mobility from the unwelcome car company

    • Doubling of bus and train frequencies, starting with crowded rides

    • Traffic light priorities, and bus diffusion at night

    • Train-Bus-Bike integration: Bike sharing and Cyclostations as in Northern Europe, to transform thousands of commuters into "last mile" urban cyclists

     

     

    Involving the best energies of the City: the Universities, cycling and commuter associations, urban planners and researchers... committing them to examine the thousand solutions of sustainable mobility to arrive at an immediately operational action plan, supported by important Budgets, such as those that emerge from the Cost-Benefit Evaluation, for this innovative strategy for the renaissance of cities.

    Action plan to be proposed to the "Green Deal" on the strength of a strategy with very high economic and environmental profitability

    5) VERIFY THE RESULTS                                                                                                                    Annual survey of behavioral habits (% on foot, by bike, by car, public transport, multimodality, micromobility, cycle stations)

    It has been said: Mobility Managers, Managements of Factories, Offices, Schools and Transport Companies will send employees and commuters the link to participate in the survey on travel habits: easily, there will be 2000-4000-10,000 people who want to have their say on a possible future of active mobility.

    From year to year, it will be possible to verify the successes and failures of the modal rebalancing strategy, refining the questions on travel habits, and on the effectiveness of the different interventions: and the "Mobility Challenge Observatory" could become an essential component of the Plan strategy , making it possible to verify over the years, in each partner reality

    • The decrease in the millions of km traveled by cars that converge on urban centers every day;

    • The decrease in costs annually borne by the car communities;

    • The growth of mobility by bike, on foot, by e-bike, in micromobility.

    • The growth of public transport users.

    • The growth of multimodality and the last mile by bike (bike+train, bike+bus, bike+car)

    • Quality, well-being and tourist attractiveness of the urban environment.

    • The benefits of an active lifestyle

    • The actual economic profitability of the modal rebalancing strategy.

    • Contribution to the objectives of energy saving and emission containment

    From year to year it will be possible to verify THE RESULTS OBTAINED, and the economic, environmental and social advantages related to the modal change.

    Repeating the survey on an annual basis will enable the formation of a vast audience, supporting the evaluation of the effectiveness of the different actions, and at the same time confirming (or not!)  the trends towards less car use, and towards the "City Multimodal, of Parks, of Bikes, of People.

    Gianni Vargiu
    Sardinian Region
    0
    Are you a candidate Lead Partner looking for partners
    Yes
    Are you a potential Partner looking for a Lead Partner
    Yes
    Your job title
    Engineer - Expert sustainable mobility -referent Cycle Walk project (Interreg Europe 2014-20)for Sardinian region
    Institution website
    https://www.sardegnamobilita.it/mobilita-ciclabile-e-car-sharing
    Green transition
  • URBACT e la sperimentazione di nuove forme di finanza a impatto sociale: l’esperienza di SIBdev

    Share on FacebookShare on TwitterShare on LinkedIn
    30/12/2022

    I Social Impact Bond (SIB) si stanno diffondendo in tutto il mondo e hanno raccolto sempre più l'attenzione di governi e autorità pubbliche, investitori, terzo settore e ricercatori negli ultimi anni. Di cosa si tratta? L'esperienza del Network SibDev

    From urbact
    Off

    Di Nicole Mercurio

    I Social Impact Bond: di che cosa si tratta?

    I Social Impact Bond (SIB) si stanno diffondendo in tutto il mondo e hanno raccolto sempre più l'attenzione di governi e autorità pubbliche, investitori, terzo settore e ricercatori negli ultimi anni.
    Di cosa si tratta? In generale il Social Impact Bond è un meccanismo di finanziamento innovativo in cui i governi o i soggetti incaricati della gestione stipulano accordi con fornitori di servizi sociali, come imprese sociali o organizzazioni non profit, e con gli investitori per pagare la realizzazione di determinati progetti a beneficio sociale. L’innovazione generata da questo strumento risiede nel meccanismo di partnership tra il pubblico e il privato, concetto sul quale a seguito della crisi economica e sociale generata dal periodo pandemico non è mai stato così importante investire.

    SIBdev: il Network URBACT

    Riconoscendo il potenziale ruolo rivoluzionario dei SIB come motore di cambiamento sociale, il programma URBACT ha finanziato la rete “SIBdev - Social impact bond development for improved public service Delivery”. Il network ha promosso l’utilizzo dello strumento finanziario dei social impact bond per migliorare i servizi pubblici di interesse locale e quindi migliorare i risultati delle aree occupazione, educazione, salute e inclusione sociale.
    Spesso l'erogazione dei servizi è ostacolata dalla frammentazione e dalla segregazione delle agenzie erogatrici, dalla mancanza di tempestività finanziaria e politica, dall'avversione al rischio e dalla difficoltà di creare cambiamenti. Il Social Impact Bond, dal punto di vista di URBACT, è un modello ambizioso che permette di sormontare questi ostacoli, potenziando la collaborazione in rete locale, la prevenzione e l'innovazione.

    Il partenariato è composto dalle seguenti città europee: Herleen (NL), Coordinatore del progetto; Baia Mare (RO); Fundão (PT); Kecskemét (HU); Võru (EE); Asrhus (DK); Zaragoza (ES); Pordenone (IT).


    Le esperienze di Fundão e Aarhus

    Dall’approvazione nel 2019 fino a settembre 2022 che ha visto la conclusione del progetto, SIBdev ha portato le città partecipanti a dei risultati significativi in termini di impatto sociale urbano.
    Un esempio sicuramente da menzionare è quello di
    Fundão, una città portoghese di 26.000 abitanti soggetta negli ultimi decenni una grave perdita di popolazione e un alto tasso di disoccupazione, soprattutto tra i giovani. La strategia progettuale nell’ambito di SIBdev è stata mirata alla creazione di posti di lavoro e allo sviluppo di un ecosistema favorevole all'innovazione. Il Comune di Fundão ha creato un concept innovativo per investitori e dipendenti chiamati LivingLab, spazi che promuovono uno stile di vita locale unico identificando luoghi stimolanti e mettendoli a disposizione delle aziende.
    E’ un esempio di come una città ha fatto suo il progetto leggendo il proprio territorio, identificando le problematiche specifiche e sfruttando le potenzialità offerte da SIBdev.
    Un altro esempio degno di nota e che ben rappresenta un contesto completamente differente è il comune di Aarhus, in Danimarca. Ciò che collega le due città è il coinvolgimento di SIB nella politica sociale, che nel caso di Aarhus è stato realizzato nell'area dei giovani senzatetto. Le iniziative seguivano il concetto di “housing first”, una speciale logica di intervento che affronta contemporaneamente le problematiche di alloggio, salute mentale e lavoro.
    La peculiarità del SIB danese è da individuare nell'entità del coinvolgimento pubblico: le iniziative abitative sono state finanziate da due istituzioni pubbliche e da un fondo filantropico i quali sono stati rimborsati su un periodo di 5 anni, in base ai risultati ottenuti nella riduzione dei costi di alloggio e di disoccupazione.

    Aarhus


     

     

     

     

     

     

     

     

    SIBdev in Italia: Il caso di Pordenone
    Tra le città partner del progetto, Pordenone ha sviluppato una serie di azioni in grado di rimettere lo strumento dei social impact bond al centro del dibattito tra esperti, accademici e amministratori locali.
    Grazie alla partecipazione a questo network, Pordenone sta sperimentando nuove misure di finanza ad impatto sociale per garantire e sviluppare servizi di welfare e contrastare la povertà urbana.
    Considerato il proprio tessuto socio-economico ma anche demografico, la città si è impegnata nella realizzazione di un progetto pilota di finanza ad alto impatto sociale nell'ambito dei servizi legati al social housing per anziani e all’inclusione dei medesimi nelle dinamiche sociali locali.


    PordenoneInfatti Pordenone presenta una percentuale di popolazione urbana anziana di circa il 24%, un numero consistente di persone che richiede servizi specifici e su misura e che è stata inoltre la fascia più colpita dagli anni di pandemia.
    Nel quadro del progetto, dopo un’attenta prima fase di analisi e individuazione dei bisogni, la città ha lavorato sotto la guida dell’Assessorato alle Politiche sociali con tutti i soggetti che sono stati coinvolti nel Gruppo locale Urbact (ULG), quali i partecipanti all'osservatorio anziani e le organizzazioni giovanili locali.
    Le modalità di inclusione degli anziani, beneficiari stessi dei progetti, all’interno del design e della realizzazione delle azioni co-disegnate sul territorio, rappresenta un grande esempio significativo di collaborazione tra diverse generazioni di residenti, per affrontare alcune delle sfide più urgenti del territorio.
    Nel quartiere di Vallenoncello, ad esempio, il Comune di Pordenone in collaborazione con la cooperativa Itaca ha creato una “casa delle attività”, uno spazio di quartiere in cui sono attivi laboratori di diverso genere: dalla fotografia all’uso di smartphone e social media per coinvolgere anziani e giovani sperimentando forme di cohousing tra diverse generazioni ed estrazioni sociali.
    Gli anziani dunque, come categoria che va protetta e tutelata anche nell'aspetto delle relazioni sociali e affettive, ritrova in questa maniera una propria dimensione in città, dando al contempo una possibilità lavorativa ai giovani inoccupati.


    Dagli esempi riportati, risulta evidente l’importanza del Social Impact Bond come motore di cambiamento, soprattutto se integrata in reti innovative come quelle che URBACT è capace di generare a diversi livelli. Il SIB rappresenta dunque una modalità alternativa di avere impatto sulla società rendendo partecipe anche il mondo della finanza privata, attraverso la quale è possibile garantire maggiori investimenti in progetti di questa natura pur mantenendo il ruolo di condivisione del rischio delle istituzioni pubbliche.
    Grazie ad URBACT con il progetto SIBdev e alle reti urbane europee attente al tema della finanza innovativa per migliorare i servizi di welfare nelle città, gli esempi come quello di Pordenone mettono in luce come sia possibile utilizzare questo strumento, accompagnato dalla propensione a lavorare in modo sperimentale e competitivo in città, per generale un cambiamento che non sia solo ideale e contestuale, ma concreto e  sistemico.

  • La pianificazione urbana integrata al servizio della circolarità: il caso della città di Prato

    Share on FacebookShare on TwitterShare on LinkedIn
    Wool
    29/12/2022

    Come per la lavorazione dei tessuti all’interno del suo distretto, il più grande distretto tessile d’Europa, così oggi la potenza innovativa della città toscana si manifesta soprattutto nella sua capacità trasformativa che prima di altri in Europa l’ha portata a scommettere sul recupero e sulla sua organizzazione in chiave circolare.

    Wool produced in the Prato Textile district

    From urbact
    Off

    Di Elisa Filippi

    “Non vi è nulla di nuovo sotto questo cielo, se non il dimenticato” scriveva George Santayana. Le parole del filoso ispano-americano ben si prestano a descrivere la storia delle città di Prato, oggi riconosciuta come centro di innovazione in Europa grazie alla valorizzazione di un’attitudine, quella alla circolarità, che caratterizza il suo sistema produttivo e la dimensione urbana nella quale si è sviluppato da più di 100 anni.

    Quella di Prato, infatti, è la storia di una città di sperimentazione che si scopre pioniera nel tempo grazie alla reinterpretazione su scala urbana del “know how”, del “saper fare” locale

     

    La circular economy: una storia che viene da lontano

    La circular economy, intesa come quel processo in grado estendere il ciclo di vita di un prodotto e trasformarlo per aumentarne il valore, è parte integrante della storia pratese e anima del suo distretto tessile.

     

    old image of the Prato textile districtUn esempio emblematico è il cardato rigenerato, ovvero un tessuto ricavato dalla lavorazione della lana proveniente da indumenti usati che è stato al centro della crescita del distretto pratese contribuendo fortemente allo sviluppo della città, passata dai 50.000 abitanti nel dopoguerra fino agli attuali 200.000 che la rendono la terza città dell’Italia centrale.

    Non deve sorprendere, dunque, se oggi Prato è la prima città italiana ad avere un assessorato dedicato alla Circular Economy che attraverso l’opera dell’Amministrazione comunale è diventata il paradigma chiave per immaginare il futuro della città e disegnare la strategia di rilancio del territorio.

     

     

    L’esperienza di Prato nei Partenariati dell’Agenda Urbana Europea

    Se la dinamica di circolarità legata al sistema produttivo si sviluppa già a partire dal diciannovesimo secolo, la storia della sua pianificazione e traduzione in policy può essere ricondotta alla partecipazione della città alle Partnership dell’Agenda Urbana Europea, nate nel 2016, su impulso del Patto di Amsterdam, durante il semestre di presidenza olandese dell’UE.

    La città di Prato entra a far parte di una della Partnership, quella dedicata all’Economia Circolare che si propone di lavorare sulla definizione a livello europeo di un modello di “città circolare”.

    technologies for water reuse in PratoAll’interno delle partnership dell’Agenda Urbana Europea ha luogo un lavoro di confronto e scambio tra autorità urbane, regionali e altri stakeholders istituzionali con il fine di potenziare l’accesso ai finanziamenti, di incrementare la messa a disposizione di strumenti e attività di capacity building e soprattutto di formulare proposte di miglioramento normativo.

    È in questo contesto che Prato si è trovata a coordinare i lavori sulla riforma normativa europea sul riutilizzo delle acque, tema sul quale aveva già implementato un sistema innovativo: le acque utilizzate dalle aziende del distretto per la lavorazione dei tessuti sono totalmente riciclate grazie al sistema integrato messo in atto dalla società GIDA - Gestione impianti depurazione acque S.p.A. che vede l’Amministrazione Comunale tra i soci.

    L’esperienza maturata all’interno della partnership Europea ha abilitato un processo bilaterale di conoscenza, consentendo alla città di comprendere più nel dettaglio l’approccio e il punto di vista adottato dalla Commissione Europea nella concezione del modello di economia circolare, e dall’altra permettendo agli stessi rappresentanti delle Istituzioni Europee di entrare in contatto e conoscere i bisogni e le esperienze concrete delle città.

     

    Dall’Agenda Urbana Europea alla Prato del futuro: il Piano Operativo Comunale

    Il primo, e forse più importante, risultato della partecipazione ai lavori della Partnership, è stata l’elaborazione del Piano Operativo Comunale, (tradizionalmente noto come P.R.G.), ovvero il più importante documento di pianificazione urbana adottato dal Comune, che nella sua impostazione riflette l’esperienza maturata in ambito europeo. Il Piano individua una serie di linee strategiche all’interno delle quali troviamo il riuso degli spazi e la rigenerazione delle attività, in particolare quelle legate al distretto tessile, insieme alla naturalizzazione e alla forestazione urbana. È in questo documento che prende forma una nuova concezione di pianificazione urbana, caratterizzata da una forte interconnessione tra spazio e natura, tra aree verdi e patrimonio costruito.

    La demolizione selettiva dell’ex Ospedale Misericordia e Dolce e il parco urbano dentro le Mura

    Nella declinazione di circolarità della città in termini progettuali, sono numerose e altamente integrate le esperienze che si sono sviluppate.

    Un primo esempio è rappresentato dalla partecipazione della città al Network URGE finanziato dal programma URBACT. La rete, coordinata dalla città di Utrecht, si è focalizzata sulla definizione di un modello di economia circolare per il settore edile orientata al recupero e al riutilizzo dei materiali derivanti da demolizioni che si stima rappresentino circa il 40% dei rifiuti solidi urbani in Europa. È in questo contesto che l’ex Ospedale Misericordia e Dolce è stato oggetto di un intervento innovativo di demolizione selettiva che ha generato circa 63 mila tonnellate di rifiuti solidi, il 98% dei quali è stato avviato a recupero. In questo modo, non solo non sono state riempite nuove discariche, ma lo stesso consumo di materie prime da cava è stato ridotto grazie al riutilizzo del materiale recuperato.

    selective demolition of the old Hospital

    Da un punto di vista urbanistico, l’operazione ha avuto un impatto considerevole andando a liberare, in poco più di 5 mesi, una superficie complessiva di circa 3 ettari e mezzodestinata a parco urbano all’interno delle mura trecentesche della città. Il parco, provvisto anche di un auditorium all’aperto e di spazi attrezzati, andrà a definire un nuovo ingresso alla città e si qualifica per essere uno dei parchi più estesi in Italia all’interno delle mura storiche.

     

    Sulla via della rinaturalizzazione con la forestazione urbana e le Nature Based Solutions

    Accanto al riuso di spazi, si inserisce nella strategia pratese la traiettoria della rinaturalizzazione e della forestazione urbana attraverso la definizione di uno specifico piano di azione, incluso nel Piano Operativo Comunale, che è stato alla base del progetto Prato Urban Jungle finanziato dal programma europeo UIA – Urban Innovative actions e avviato nel 2019. Basato su un’analisi di quasi 30.000 piante che ha permesso di stimare e valutare la loro efficacia nella mitigazione e adattamento agli impatti negativi del climate change, il Piano di forestazione urbana prevede di piantare 190.000 alberi, sostanzialmente uno per ogni abitante, creare corridoi, infrastrutture verdi e interventi diffusi di verde urbano come strumento di compensazione climatica e di tutela e promozione della biodiversità.

    L’idea alla base della soluzione proposta da Prato viene declinata attraverso un nuovo paradigma urbano dove l’ambiente costruito abbatte il proprio impatto inquinante e diventa parte della soluzione attraverso un importante processo di urban greening e urban forestry.

    Air fabrics

    È in quest’ottica che la soluzione innovativa è stata progettata dallo Studio Stefano Boeri architetti e testata in tre differenti aree: nelle case dell’edilizia popolare in via Turchia attraverso un’opera di greening e la restituzione di nuovi spazi comuni, nella rigenerazione di un ex sito industriale collocato nel quartiere Macrolotto zero che ospiterà il nuovo mercato coperto e al cui interno è stata sperimentata la “fabbrica dell’aria”, progettata da PNAT, in grado di purificare l’aria dagli inquinanti attraverso un’attenta selezione di piante, e presso la sede della società Estra. Inoltre, attraverso un percorso partecipativo è stata individuata una quarta area oggetto dell’intervento e viene creato un corridoio verde che collega queste aree al centro delle città. I benefici attesi da questi interventi vanno dalla riduzione degli impatti delle isole di calore all’isolamento degli edifici che viene potenziato dalla forestazione verticale.

    Urban greening

    Innovativo è anche il sistema di monitoraggio ambientale che è stato sviluppato dal CNR e che combina dati provenienti da rilevamento in-situ e immagini satellitari rilevati in tre fasi del progetto, e li rielabora attraverso l’applicazione di un modello matematico di simulazione al fine di analizzarne e simularne gli impatti secondo la logica del “digital twin”.

    Next Generation Prato e la sfida del PNRR

    Forte di un’opera di pianificazione avviata da tempo e che include ricerca e sperimentazione con la riscoperta di vocazioni storiche e tradizionali, la città di Prato è riuscita a sviluppare una strategia efficace anche per l’accesso alle risorse del PNRR. Con l’obiettivo di potenziare e orientare i finanziamenti, la città toscana ha predisposto nell’estate 2021, il documento “Next Generation Prato” articolato in 24 schede progetto riconducibili alle 6 missioni del PNRR. Il documento è incardinato all’interno del progetto “Prato Circular City” e ha visto l’istituzione di un tavolo di confronto tra il Comune e gli stakeholders locali per la sua elaborazione.

    a view on the city of Prato

    Tra i progetti candidati al finanziamento troviamo, ad esempio, la creazione di un Hub europeo del riciclo tessile, l’Agenzia Urbana del riuso, la piattaforma per promuovere il turismo industriale o la creazione di un Digital Twin della città nell’ambito ambientale, energetico, del patrimonio edilizio e dell’edilizia scolastica.

    L’approccio integrato e la dimensione partecipativa del processo sembrano essere gli elementi peculiari del documento che identifica non solo le risorse del PNRR, ma anche le possibilità di finanziamento offerte dalla programmazione europea 2021-2027.

    Climaticamente neutrale e produttiva

    Ciò che colpisce del percorso compiuto dalla città di Prato è la capacità dell’Amministrazione Comunale e dal tessuto socioeconomico coinvolto, di elaborare una visione coerente incentrata sulla sfida della resilienza e dell’economia circolare. Selezionata dalla Commissione Europea tre le 100 Città impegnate per diventare climaticamente neutrali entro il 2030, la strategia di Prato sembra reggersi su un equilibrio dinamico ove l’innovazione e la sperimentazione agiscono per promuovere e valorizzare la transizione “da città fabbrica” a città verde e circolare senza rinunciare, ed anzi rilanciando, la propria vocazione produttiva.

    Autore: Elisa Filippi

    References:

    https://www.arcolab.org/wordpress/wp-content/uploads/2019/07/ISDRS18EconomiaCircolare.pdf

    http://www.pratourbanjungle.it

    https://www.pratocircularcity.it/it/buone-pratiche/demolizione-selettiva/pagina2943.html

    https://www.stefanoboeriarchitetti.net/project/prato-urban-jungle/

    https://uia-initiative.eu/en/uia-cities/prato

     

  • Localizzare gli SDGs: le esperienze delle città del Network Global Goals for Cities

    Share on FacebookShare on TwitterShare on LinkedIn
    23/12/2022

    L'Agenda 2030 e le esperienze delle città della rete URBACT Global Goals for Cities.

    SDGs description

    From urbact
    Off

    Di Nicole Mercurio

    La pandemia ha messo in evidenza le disuguaglianze strutturali già esistenti all’interno dei e tra i Paesi, influendo negativamente sui gruppi sociali e sui territori vulnerabili e più in generale sulla coesione sociale e territoriale. Ponendo quindi l’accento sull’interconnessione tra sfera sociale, economica e ambientale, l’implementazione dell’Agenda 2030 e degli SDGs si è posta come tavolo di lavoro principale per l’azione locale e nazionale, col fine di avviare processi di ripresa più inclusivi e sostenibili.

    L’Agenda 2030 dell’ONU e gli SDGs

    Adottata nel settembre 2015 dall’Assemblea ONU, l’Agenda 2030 nasce come piattaforma per un Piano di azione universale, ‘integrale e trasformatore’, per lo sviluppo umano sostenibile che coniughi più dimensioni del reale innescando meccanismi concertati virtuosi tra contesti territoriali diversi.
    L'Agenda definisce 17 obiettivi di sviluppo sostenibile, Sustainable Development Goals da raggiungere entro il 2030, articolati in 169 Target. Gli obiettivi, che spaziano dalla sostenibilità di ogni ecosistema, all’inclusività di genere e alla crescita economica sostenibile, sono definiti come universali. Questa definizione è spiegata dalla pervasività e dall’onnipresenza delle criticità che l’Agenda vuole sfidare e mettere in discussione.

    È necessario però sottolineare come, per avere impatto reale sui territori bisogna partire dalla consapevolezza delle differenze in termini di effetti che problemi come povertà, cambiamento climatico, gender gaps hanno su territori differenti. Tale principio vale in primis per territori geograficamente ed economicamente distanti tra loro nel contesto internazionale, ma ha un riscontro anche all’interno di uno stesso territorio.
    Nell’Agenda 2030 il termine universalità viene dunque risignificato, stando a intendere un approccio che riconosce le specificità di contesti ‘locali’ differenti, innescando al contempo l’interazione orizzontale tra territori all’interno di un quadro di dialogo e
    concertazione su valori condivisi.
    Ed è proprio a partire dalla risignificazione di questo termine che si inserisce l’importanza del localizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, i quali si configurano non come punti di arrivo uniformi, ma come elementi funzionali delle specificità e originalità delle soluzioni locali adottate per ogni territorio e contesto. Ma come è possibile implementare azioni concrete senza perdere di vista l'indivisibilità degli obiettivi?

    L'approccio e l'esperienza del programma URBACT

    Parte della risposta risiede nell'approccio integrato promosso dal programma URBACT, che promuove l'integrazione orizzontale, verticale e territoriale.
    Come impegno nei confronti dell’attuazione degli SDGs per lo sviluppo urbano sostenibile, il programma URBACT in un’iniziativa congiunta con il CCRE/CEMR (Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa) ha proposto e portato avanti un Network europeo a sostegno delle città interessate alla localizzazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

    Le 19 città del Network URBACT Global Goals for Cities

    Il Network pilota Global Goals for Cities, è un partenariato strategico che mira ad accelerare i progressi verso il raggiungimento degli SDGs in 19 città dell'UE, attraverso l'apprendimento tra pari e la pianificazione di azioni integrate.
    La rete, che ha previsto la creazione di un gruppo di lavoro locale (ULG) in ogni città aderente al progetto, mette a disposizione il metodo di apprendimento integrato e partecipativo del programma URBACT III, per supportare le città attraverso le diverse fasi di progettuali.

    La prima parte del progetto ha avuto come focus la vision dei partners, i quali hanno lavorato sul ricostruire e ripensare l’immagine di città che vorrebbero perseguire e l’identificazione degli obiettivi da raggiungere in relazione alla localizzazione degli SDG. La seconda mira ad ottenere i risultati individuati attraverso la co-progettazione di azioni, la creazione di un quadro di riferimento e di monitoraggio, e la finalizzazione e l’avvio degli Urbact Local Action Plan co-prodotti dai diversi URBACT Local Group.

    Green and Global: l‘esperienza della città di Tallin

    Capofila del Network è la città di Tallin in Estonia che ha condiviso la propria strategia di sviluppo e le attività della Green Revolution portate avanti durante i lavori della rete URBACT.
    Come preannunciato, nella prima parte del progetto i partners si sono focalizzati sulla vision e sull’approccio condiviso rispetto alla localizzazione degli SDGs.

    Tallin green projects
     

    La visione e gli obiettivi della strategia di sviluppo di Tallin si basano sugli obiettivi nazionali già definiti nella strategia "Estonia 2035", il documento di sviluppo nazionale per il raggiungimento degli SDGs.
    La vision della città si sintetizza nella strategia “Tallin: Green and Global”. Per raggiungere questo obiettivo generale, sono stati individuati sei obiettivi: Spazio urbano amichevole; Città globale e creativa; Mobilità sana; Trasformazione verde; Comunità gentile; Una casa che include la strada.
    Nei diversi incontri tra i partner della rete URBACT nel corso degli ultimi due anni, Tallin ha condiviso la propria visione di città ecosostenibile, nature and human friendly, che mette al centro la partecipazione collettiva e il ritorno della biodiversità urbana.
    Quest’ultimo obiettivo è perseguito dalla città attraverso il progetto Pollinator Highway Project, una striscia verde che attraversa la città, riportando le specie impollinatrici e la biodiversità floristica e faunistica, promuovendo al contempo la riappropriazione degli spazi pubblici verdi da parte della comunità.
    I membri del team di Tallin nei diversi incontri, hanno anche presentato esempi di buone pratiche di governance partecipativa, tra cui la Green Tiger Academy, il bilancio partecipativo, nonché l’iniziativa Participation Hub, che mira a facilitare la partecipazione dei cittadini ai processi di progettazione urbana.
    Le iniziative portate avanti da Tallin soprattutto grazie alla partecipazione come lead partner al Network Global Goals for Cities URBACT, mettono in evidenza quanto un progetto integrato di condivisione delle esperienze e di collaborazione attiva, possa rivelarsi come motore di cambiamento del territorio e di contaminazione tra politiche, generando benefici sociali ai cittadini e a tutta la comunità.

    Reggio Emilia e la localizzazione degli SDGs nei documenti di programmazione comunale

    Tra le 19 città parte del progetto, è presente anche la città di Reggio Emilia.
    Celebre per il suo approccio pedagogico innovativo, il “Reggio Emilia Approach” e con una naturale propensione per la cooperazione interterritoriale, la città partecipa a diversi network di sviluppo urbano sostenibile, il che la rende un punto di riferimento importante in Italia per lo scambio di buone pratiche sul tema dello sviluppo verde e su quello degli Obiettivi di sviluppo sostenibile.
    Reggio Emilia ha inserito nel DUP (Documento Unico di Programmazione) gli SDGs, selezionando gli indicatori di impatto di ciascun obiettivo del DUP e associandoli all'indicatore 'guida' dell’Agenda 2030. Ogni indicatore presente nel DUP può infatti contribuire al raggiungimento di uno specifico obiettivo di sviluppo sostenibile.
    L’approccio pionieristico della città rispetto agli SDGs è ben visibile anche nelle iniziative che il Comune ha pianificato e messo in atto per perseguire l’obiettivo di localizzare gli SDGs grazie al supporto di URBACT e alla partecipazione al network GG4C.

     SDGs
    Tra queste,
     la città sta lavorando sull'implementazione di strumenti precisi per monitorare e valutare il raggiungimento degli SDGs a livello locale e sulla costruzione di una comunità di stakeholder (società civile, imprese, scuole, cittadini) per progettare e promuovere azioni concrete per localizzare gli SDGs insieme ad attori che sono risultati fondamentali in questo processo, come la Fondazione E-35, parte dell’ULG.
    Le azioni sviluppate da Reggio Emilia grazie alla partecipazione al network, rivestono un ruolo fondamentale nell’esportare queste pratiche virtuose nelle altre città italiane, contribuendo ad alimentare un processo di dialogo virtuoso a livello nazionale.

    Il valore aggiunto di programmi europei di capacity building come URBACT
    Come emerge dalle esperienze già citate, il principale obiettivo del network Global Goals for Cities è quello di far sì che le città possano scambiare pratiche, costruire strutture per il processo di localizzazione degli SDG nei loro territori e sviluppare strumenti per l’attuazione locale degli obiettivi e per  il loro monitoraggio.
    L’importanza del lavoro che svolto da URBACT nell’ambito degli SDGs risiede nella sua metodologia orizzontale e integrata, attraverso la quale fornisce strumenti ai territori per lavorare al raggiungimento dell’obiettivo comune di città verdi, resilienti e inclusive, che lavorino insieme su questa sfida  in modo concertato riconoscendo sempre, al contempo, le specificità di contesti locali differenti e l’importanza di un approccio place-based.